Alina Buonadonna

Ho un attacco di ansia ADESSO! Che cosa devo fare?

L'ansia è come un mare in tempesta
Facebook
Twitter
LinkedIn

Approfondisci

Articoli correlati

Un motivo per cui molte persone chiedono il mio aiuto è legato a un problema incredibilmente diffuso: L’ansia.

A volte l’ansia diventa molto invalidante e rende la vita delle persone particolarmente difficile. Infatti la maggior parte dei miei pazienti mi chiede: “Ali, ti prego, TOGLIMI L’ANSIA!”

Ma si può fare? E se non si può fare, allora quali sono le alternative?

Ti racconto la storia di Giulia che, dopo vent’anni di matrimonio scopre che suo marito la tradisce e finisce in un tunnel di tristezza e ansia. 

Ovviamente arriva da me e mi dice: “Ali, TOGLIMI L’ANSIA!”
Il motivo per cui ho scelto questa storia è che spessissimo confondiamo i problemi.
Mi spiego meglio: quando abbiamo fame, il nostro organismo lancia dei messaggi inequivocabili e assai sgradevoli, per spingerci a mangiare.
Perchè la natura ha scelto di usare messaggi sgradevoli? Perchè diversamente NON FAREMMO NIENTE!
Nel caso invece dei messaggi, sempre sgradevoli, relativi a come stiamo, a quello che ci manca, a cosa vogliamo realizzare, a quali sono le cose che ci feriscono, che ci spaventano, ecc. ecco che NON vogliamo sentirli e aspettiamo che questa sgradevolezza passi da sola. O peggio ancora, preferiremmo non sentirla affatto.
 
E quindi spiegami: come fai a sapere che cosa è necessario che nella tua vita cambi, se non senti la sgradevolezza e in certi casi anche l’urgenza a cambiarlo?
 
La verità è che l’ansia come il dolore, la frustrazione la tristezza ecc. sono fondamentali per costruire la vita che vuoi vivere.
 
Come Giulia, che in un tempo incredibilmente breve (sono impressionata anche io), ha risolto il suo problema con l’ansia, accettando e attraversando questa tremenda esperienza della sua vita.
 

 

L'ansia è come un mare in tempesta

Ma quindi in pratica che cosa devo fare?

Tre semplicissime cose da fare per non sentirsi sopraffare dall’ansia.
1. ESPIRA lentamente. ATTENZIONE: ho detto espira. soffia fuori l’aria l e n t a m e n t e. Quando sentiamo ansia, c’è una contrazione involontaria di tutti i nostri muscoli. Per questo motivo ci sembra di non riuscire a respirare e che ci manchi l’aria. La cosa da fare è quindi aiutare il nostro diaframma a fare il suo lavoro. 
2. Aiuta la tua chimica interna a produrre ossitocina, che ha una funzione protettiva per il cuore e regolatrice del respiro. Basta guardare una persona amata negli occhi per più di 30 secondi.
3. Cerca dati di realtà.
L’ansia è prodotta anche dai nostri pensieri, ma i pensieri non sono la realtà: i pensieri sono solo pensieri.
Mentre i pensieri che hai non puoi modificarli come vuoi, non puoi montarli e smontarli come i Lego (sebbene i guru online dicano il contrario), sulla realtà che ti sta intorno tu hai un potere enorme! 
Puoi cambiare la tua realtà! Eccome!
Allarga il tuo orizzonte ogni volta che senti che i tuoi pensieri stanno andando fuori controllo. 
Guardati intorno e percepisci la tua realtà partendo dalle cose più semplici:
– come sei vestito? Ti piace/non ti piace; sei comodo/scomodo; ecc.
– che cosa hai intorno? Sei in un posto che conosci oppure no? Quello che vedi ti piace? Perchè? ecc.
– che giorno è? com’è il tempo? come ti fa sentire? ecc.